Arriva ‘ransomware’: pericolo per i device Android

Attenzione! I vostri smartphone e tablet Android sono in pericolo. Un dato che emerge da un rapporto emesso dagli esperti di sicurezza di Kaspersky (compagnia celebre per la produzione dei suoi programmi antivirus) e che testimonia come, nell’arco di appena un anno, il numero di dispositivi mobili presi in ostaggio da cyber-sequestratori sia quadruplicato.
In tutto il mondo, sono state oltre 130mila le persone costrette a vedersela con un virus tipo ‘ransomware’, così chiamato perché blocca il sistema operativo del congegno fino a che il proprietario non paga un vero e proprio riscatto all’hacker per ‘liberarlo’.
Tanto per dare qualche cifra, se gli attacchi di questo tipo erano stati 35.413 tra aprile 2014 e marzo 2015, nello stesso periodo, ma un anno dopo (quindi tra aprile 2015 e marzo 2016), siamo passati a 136.532. Tra i paesi maggiormente presi di mira Germania, Canada, Regno Unito e Stati Uniti.
Un virus di tipo ‘ransomware’, sia su pc che su device mobili, agisce in due modi: bloccando lo schermo con una speciale finestra o criptando i file importanti. Questa seconda modalità viene usata maggiormente sui pc, la prima sui dispositivi mobile.
Sempre secondo gli esperti di Kaspersky “questo modello di estorsione è destinato a persistere”, andando anche oltre pc e smartphone. In futuro potrebbe colpire “dispositivi quali smartwatch, smart tv e altri prodotti ‘smart’ come i sistemi di intrattenimento domestici e in-car”.